Partiamo dalla fine

caccia 17-570X330PXEccoci al primo post.
Arriva subito dopo la pubblicazione sulla Rivista Impresa Sociale del “saggio” dal titolo “Oltre la retorica della social innovation” che puoi scaricare qui.
L’ho scritto sperando di contribuire ad aprire un dibattito sull’innovazione sociale. Lungi dal concentrarsi esclusivamente su elementi definitori – anche se una definizione, in parte inedita, c’è – punto sull’analisi della formazione della struttura concettuale dell’innovazione sociale, evidenziandone due elementi critici: l’astoricità e l’acriticità.
Inoltre, propongo di considerare la dimensione del conflitto come parte integrante dei processi di innovazione sociale, perché altrimenti il rischio è che si trasformi in un innoquo sistema di regolazione dello staus quo, perdendo quella vis trasformativa che nelle intenzioni di molti ricercatori – e soprattutto degli attivisti – rappresenta l’elemento centrale di senso dell’innovazione sociale. Idea che pare iniziare a maturare anche la Young Fondation, fondatrice e anima della scuola britannica della Social Innovation.
Buona Lettura!